ROMA VAL BENE UNO STADIO



                       EPIGRAMMA

In sostanza,  Roma val bene uno stadio.

Per Enrico la messa irrilevante.

Altrettanto lo stadio per la Raggi:

senza  entusiasmo, assente e melanconica,

senza vitalità bella, sportiva,

piccola,  per sé piccola Roma vuole,

la Roma rannicchiata e  provinciale,

che non vuole un futuro di metropoli,

non ama più le grandi architetture,

che la Roma dei Cesari ne  fecero

(la Roma dei Papi anch'essa ormai svilita);

la Roma che a sud scivola d'Europa,

la Roma - Peter Pan- che non vuol crescere,

la Roma che non guarda al suo futuro,

Roma che fa la stupida ogni sera,

vivendo alla giornata coi circenses.

Roma depressa, Roma che non si ama

e che i ribaldi istigano al suicidio,

un suicidio assistito dai furbetti,

compresi i sedicenti antifurbetti.

Anagramma di Amor, Roma  traligna:

Eros tradisce e si congiunge a Thanatos.