MIGRANTI -(inno)



Al  tetto bentornate mie rondini di casa, *

penai nell’aspettarvi, ma or  eccovi tornate!

Vostra assenza: il passato, presenti voi: il futuro.

Libere da contrasti, d’umane angosce ignare,

di Pan garruli araldi, d’Amore annunciatrici,

d’Amore primordiale, mistero della vita.

Nel libero universo voi libere migrate,

la strada vi tracciate nel cielo buono e terso.

Al cielo date vita, del cielo siete l'anima,

al cielo date voce, linfa del cielo siete;

il cielo immoto freme, con voi frementi e vive.

La terra sotto il cielo di fretta va e non vibra,

le frecce voi scoccate che fremere la fanno,

colpiscono le frecce chi le ama e chi le aspetta:

son doni spirituali d'amore e di poesia.

L’Amore tutto cinge, d’universale abbraccio

(un cagnolino veglia la tomba del padrone!). **

Dileguato il letargo, spera e risorge vita.

Mite e bonario il sole, luce,  sorride e guarda,

dal freddo inverno usciti,  l’afa lontana ancora,

dolce,  la primavera scalda d’amore i cuori;

l’eco d’amor s’effonde, di cuore in cuor risuona.

Dimentichi di  Morte, vinto, pieghiamo l’odio,

amore,  amore,  amore  cantano brezze e fiori.

 

Cagliari 10 maggio 2012 

                      

* Ha  scritto il  19  marzo 2012  Danilo Mainardi   su Corriere.it :  “Che le rondini tornino sotto lo stesso tetto è un fenomeno di notevole rilievo. Per gran parte del viaggio sono guidate da un orientamento che istintivamente indica la giusta rotta. Poi, però, occorre una più personale sapienza. L'ultimo tratto è infatti guidato da piccoli segni che ogni rondine ha trattenuto dentro di sé. Ogni individuo ha scritto nella memoria ricordi diversi ed è perciò che ogni casa ha le sue rondini. Ed è anche perciò che ci è lecito dire: sono tornate .le «mie» rondini. Il più bel modo per possedere animali selvaggi.

 

** Da L’unione Sarda  del 26 aprile 2012, 1^ pagina: Tonara. Da due mesi in cimitero vicino al padrone scomparso. CAGNOLINO FEDELE ANCHE SULLA TOMBA.

__________________________________________________

Nota – negli ultimi tre anni le rondini sono sempre ritornate