Il Cinque Maggio



EVVIVA CIAMPI!

Il decimo Presidente della Repubblica non ha tessera di partito. Ebbe quella
del Partito d’Azione. La tessera di Lussu, Foa e Ugo La Malfa. Una minoranza
nel nome di Giustizia e Libertà.
Alla Normale di Pisa il 10 giugno 1940, quando fu annunciata la pugnalata
alle spalle
della Francia democratica, Ciampi fu tra gli studenti che
cantarono la Marsigliese.
Un rappresentante dell’Italia operosa, espressione della migliore società civile.
Nel suo discorso di insediamento ha definito come costituzionale la
convergenza di maggioranza e opposizione sulla sua elezione: un segno di
condivisione dei valori fondamentali della democrazia repubblicana e dei
principi costituzionali. Egli si pone come garante della realizzazione delle
urgenti riforme di cui il nostro paese ha bisogno.
I primi atti del Capo dello Stato sono stati nel senso dell’affermazione dei
principi del giusto processo e dello spirito costituente.
Quanto alla guerra balcanica da lui ritenuta giustamente inevitabile, si è
espresso in difesa degli oppressi (discorso al Corpo Diplomatico, in
occasione dell’anniversario della Repubblica).
Dunque: Evviva Ciampi!

PIETRO MUGGIANU - articolo apparso sul periodico " Il Cagliaritano "

(Anno 27 n. 4, Luglio-Agosto 1999)


----------------------------------



Il 5 maggio 2005, dalla città di Aquisgrana è stato conferito al Presidente
Carlo Azelio Ciampi il premio Carlo Magno. Istituito nel 1950, il premio
viene conferito a chi si sia particolarmente impegnato per l’integrazione
europea. Ciampi è il quarto italiano che viene insignito di questo premio.
Il primo fu Alcide De Gasperi. L’anno scorso il premio fu conferito a
Papa Wojtyla. La data in cui si è svolta nel municipio di Aquisgrana la
cerimonia di consegna del premio mi ha suggerito la suggestione poetica
che si ispira al titolo della celeberrima ode manzoniana e al suo incipit,
da me parafrasato. Metricamente, i versi sono dei settenari sciolti, salvo
il primo che è un ottonario.




IL CINQUE MAGGIO
(ODE MINIMA)

EI È. D’EUROPA ARTEFICE.
A CARLO AZELIO IL PREMIO.
IL PREMIO CARLO MAGNO.
AD AQUISGRANA ONORE.
AD ITALIANO GRANDE.
EVVIVA CIAMPI EVVIVA!

PIETRO MUGGIANU