Ahi italiani infingardi



AHI  ITALIANI  INFINGARDI

          (invettiva)

Ahi italiani infingardi e levantini,

immeschinendo state la Repubblica!

Perenne "otto settembre",  tutti a casa:

la "guerra è finita", anzi " finire deve "

come Dio comanda, anzi il regnante papa!

Alla Francia voltando ora le spalle,

al declino in Europa vi votate.

Giustizia i morti di Parigi attendono

e l'attende Valeria Solesin.

Giustizia forse i giudici faranno?                                     

Quelli parigini  o quelli veneziani?

Giustizia con cinismo denegata!

La giustizia penale arma giocattolo,

di chi teme d'agire l'arma finta,

una  giustizia, a priori,  pilatesca,

ipocrita giustizia simulata.

Stucchevole melassa pacifista!

Di Valeria impunito l'assassinio,

per politico calcolo meschino!

Come Antigone levo alta la voce:

per Valeria e l'Italia pace invoco,

giustizia invoco che lo strazio plachi

ed alla pace i cuori riconduca!

L'autotutela c'è internazionale!

Gli  Stati offesi facciano giustizia,

disarmati essendo i giudici ed impropri.

Dei criminali la banda del Daesh

e con essa le complici canaglie,

i tagliagole devono pagare

e di nuocere devono  cessare.

" Spegnerli" !  "Vezzeggiarli" non si può,

di  Machiavelli giusta la lezione.

Diversa strategia non c'è che tenga.

Niente può subentrare di peggiore!

(Non calza il paragone con la Libia).

Non si può dubitare ed esitare:

dalla faccia della terra Daesh sparisca!

Suicida fu lo "spirito di Monaco":

Hitler era, come Annibale,  "alle porte"!

Non sia  il  papa  l'Italia a governare:

le vie di guerra e pace non ci  additi,

sia guida spirituale e non politica!

Vale di Dante il monito ancor oggi:

 Ahi gente che dovresti esser devota, 
e lasciar seder Cesare in la sella, 
se bene intendi ciò che Dio ti nota.